Fuga dalle terre devastate

Quarta di copertina

Jack abbandona la città, che lui stesso ha fondato dopo aver ucciso Abigail, e torna ad affrontare le terre devastate, dopo averne sentito il suo potente richiamo.

A bordo di un veicolo, riprende il suo viaggio verso nord, dove pensa che la civiltà sia tornata a fiorire come un tempo, proprio come fioriva prima che la guerra nucleare avesse ucciso il mondo.

Con coraggio e determinazione, si fa strada tra signori della sabbia, tra la disperazione di quel mondo che non riesce a risollevarsi dalle proprie ceneri, tra mangiatori di esseri umani e tra farabutti di vario genere.

Grazie all’aiuto di Marion, una donna che riesce a liberare dalla schiavitù del signore della sabbia che regna su WilsonTown, affronta tutte quelle difficoltà, deciso nel trovare quella parte migliore dell’umanità che non riesce a trovare attraverso quelle terre devastate.

Disponibile in formato ebook e cartaceo presso:
Amazon
Ebay
Subito.it
ComproVendoLibri
Facebook Marketplace

Primo capitolo

Avevo abbandonato Jack’s Town, la città che portava il mio nome, ormai da diversi giorni.

Come mi sarei aspettato, nessuno di quei poveri bastardi si era azzardato a venirmi dietro per chiedermi qualcosa o per farmi tornare sui miei passi.

Ma anche se lo avessero fatto, anche se avessero tentato di farmi tornare indietro, non li avrei ascoltati e avrei proseguito per la mia strada, lasciandomi alle spalle quel posto, per tornare ad affrontare le terre devastate.

Quella gente non aveva niente da rimproverarmi.

Avevo dato il mio contributo per costruire quell’oasi felice nelle terre devastate.

Avevo ucciso Abigail, il signore della sabbia che regnava su quelle terre.

Avevo dato la possibilità di avere un posto in cui vivere a quei nomadi, che vagavano nel nulla alla continua ricerca di qualcosa che non avrebbero trovato, e che mi avevano aiutato durante la presa di OilTown.

Avevo dato la libertà a quei bambini che furono costretti a lavorare nelle fabbriche di munizioni di quella psicopatica di Abigail.

Avevo fatto di tutto per creare quella piccola comunità, come avevo fatto di tutto per donare un futuro a quella gente.

Ma, purtroppo per loro, era arrivato il momento di andarmene.

Alcune settimane prima che lasciassi quel dannato posto, iniziai a sentire il richiamo delle terre devastate che tuonava all’interno della mia testa come un rullo di tamburi che suonava con tutta la violenza e la brutalità di cui era capace.

Nonostante avessi tentato con tutta la forza che avevo di porre resistenza a quella chiamata, cercando di accettare l’idea di trascorrere il resto dei miei giorni in quel dannato posto, non riuscii a placare quelle voci che mi obbligavano a riprendere quel viaggio che avevo interrotto dopo aver liberato quelle città.

Preparai di nascosto un veicolo, sul quale caricai scorte di acqua, e cibo, e qualche cassa con le munizioni per le mie armi, mentre gli altri abitanti di quel posto continuavano la loro vita ignari delle mie reali intenzioni.

Così, nel cuore della notte, quando tutto era ormai pronto, me ne andai per riprendere il mio viaggio verso la costa nord, dove dicevano che la civiltà era sorta come prima della fine del mondo.

Ovviamente non potevo sapere se quelle voci fossero state vere o meno, ma sentivo il bisogno di vedere con i miei occhi come fosse stata veramente la situazione da quelle parti.

Dovevo farlo per trovare la mia pace interiore.

Naturalmente non informai nessuno della mia imminente partenza, non ne parlai nemmeno con Sarah, la donna che mi aveva assistito nella crescita di quella città.

Di certo quelle persone non avrebbe capito le mie intenzioni e avrebbero tentato di dissuadermi da quella mia decisione come meglio avrebbero potuto.

Ero comparso nelle loro vite in silenzio, provenendo dal nulla e dalla desolazione delle terre devastate, e allo stesso modo me ne andai per la mia strada, senza mai voltarmi dietro le mie spalle, senza alcun pentimento.

*****

Mi ritrovai, quindi, a sfrecciare con il mio veicolo attraverso quella distesa di sabbia e rocce, dove si potevano ancora incontrare alcuni resti del mondo passato, insieme ai mezzi militari abbandonati durante il conflitto che segnò la fine del mondo che conoscevo.

Guidavo verso nord, verso la costa, e prestavo attenzione al mondo che mi circondava, sperando che nessuno di quei farabutti, violenti e psicopatici, fossero sbucati fuori dal nulla per tentare di assalire il mio veicolo solitario.

Per precauzione avevo lasciato un fucile a canne mozze, con i colpi in canna, sul sedile del passeggero, pronto all’uso.

Proseguivo a guidare, con quelle macerie che accompagnavano il mio viaggio, mantenendo lo sguardo fisso davanti a me, senza mai voltarmi dietro le spalle.

Guidavo attraverso quelle dune di sabbia formate dalle frequenti tempeste causate dai drastici cambiamenti climatici provocati dallo scoppio degli ordigni nucleari e dall’impatto coi detriti di quella fottuta cometa, mantenendo la direzione che mi ero prefissato.

Proseguivo tenendo lo sguardo fisso di fronte a me, senza lasciarmi distrarre troppo dalla desolazione e dall’abbandono che regnava sovrano su quelle terre.

*****

Guidavo senza problemi e senza pensare a niente di particolare, quando notai il sole che era prossimo a tramontare.

Così, rallentai il veicolo per poi guardarmi intorno, in modo da trovare un posto dove avrei potuto fermarmi e accamparmi, dove mi sarei concesso un pasto e dove mi sarei riposato per la notte.

A poche decine di metri da me, notai i resti di una vecchia casa coloniale che si teneva ancora in piedi in mezzo al nulla, resistendo con gli artigli al peggio che poteva offrire quel mondo.

Vedendo che non c’erano veicoli nei paraggi, mi diressi verso quell’edificio, mentre muovevo lo sguardo sulle sue pareti esterne ridotte quasi a brandelli dal tempo e dalla guerra.

Comunque, quel posto sembrava tranquillo, o almeno non vedevo nessuno nei paraggi e avrebbe potuto offrirmi una degna copertura per trascorrere la notte con entrambi gli occhi chiusi.

Ritrovatomi a pochi metri di distanza da quell’edificio, rallentai il veicolo e afferrai il fucile a canne mozze con la mano destra, per poi proseguire a passo d’uomo, mentre controllavo il posto per cercare un nascondiglio per il mezzo che mi aveva condotto sin lì.

Mossi lo sguardo per tutto l’edificio che si stava avvicinando a me, fino a quando trovai un’apertura sul fianco destro, dove avrei potuto nascondere il mio veicolo.

Così, mi diressi verso quell’apertura, mentre continuavo a guardarmi intorno per accertarmi che non ci fosse nessuno nei paraggi.

Parcheggiai il veicolo all’interno di quell’apertura, che avevo visto mentre mi avvicinavo, e, dopo aver spento il motore, scesi per poi recarmi sul retro, dove si trovava il bagagliaio, per prendere le mie scorte di cibo e una coperta.

Mi allontanai leggermente dal veicolo e andai a sedermi su alcune macerie, in un posto piuttosto nascosto dalla vista esterna, ma con delle fessure alle pareti che mi permettevano di vedere se qualcosa si fosse mosso là fuori.

Appoggiai il fucile a canne mozze sopra le gambe e aprii lo zaino, che conteneva le mie scorte di cibo e acqua, per poi afferrare un barattolo di metallo che conteneva della carne essiccata.

Tolto il coperchio da quel barattolo che tenevo in mano, lo avvicinai al naso per annusare l’odore del suo contenuto, in modo da accertarmi che fosse ancora commestibile.

L’odore non era dei migliori, in fondo quella carne si trovava all’interno di quel barattolo da diversi giorni ed era sottoposto alle temperature che si potevano trovare là fuori, ma di certo non mi avrebbe ucciso.

Afferrai un pezzo di quella carne con le dita e la avvicinai alla bocca per poi staccarne un pezzo con i denti.

Tenni alcuni istanti quella carne in bocca, quando mi decisi di iniziare a masticarla, mentre muovevo lo sguardo verso l’esterno, dove la notte stava calando, permettendo alle stelle in cielo di essere ben visibili a occhio nudo.

Mangiai con tutta calma quella carne, prestando attenzione a non consumarne troppa, poiché non sapevo quando avrei avuto la possibilità di fare altre scorte, visto che stavo attraversando zone che non conoscevo.

*****

Finito di mangiare, riportai lo zaino nel bagagliaio del mio veicolo, per poi spostarmi verso l’esterno, dove tirava un leggero venticello che mi rinfrescava il viso, e mi misi a sedere su alcune macerie che trovai là fuori.

Ammirai il paesaggio, il quale veniva illuminato dalla luce che rifletteva la Luna, che si estendeva di fronte ai miei occhi, mentre venivo travolto dal silenzio assordante che invadeva quel posto.

Rimasi diverso tempo a scrutare l’ambiente di fronte a me, fino a quando decisi di andare a dormire, in modo da poter riprendere il mio viaggio con le prime luci dell’alba.

Così, lasciai il mio punto di osservazione e tornai all’interno dell’edificio.

Mi diressi verso il mio veicolo, per poi sedermi sul posto del conducente e coprirmi con quella coperta, che avevo preso dal retro, mantenendo il fucile a canne mozze appoggiato sopra le gambe.

*****

Il mattino seguente venni svegliato dai raggi del sole che schiaffeggiavano il mio volto, obbligandomi a lasciare il mondo dei sogni, per addentrarmi nel mondo dei vivi.

Aperti gli occhi mi guardai intorno, mentre mi strofinavo le labbra con la mano, per poi togliermi quella coperta dal corpo e afferrare il fucile a canne mozze e appoggiarlo sul sedile del passeggero.

Scesi dal veicolo e mi stiracchiai la schiena, piegandomi all’indietro e in avanti, mentre volgevo lo sguardo verso la pianura sabbiosa che si estendeva fuori da quell’edificio che mi aveva ospitato durante la notte.

Constatato che non c’era nessuno nei paraggi, dopo aver controllato quel paesaggio, tornai a bordo del veicolo.

Chiuso lo sportello, avvicinai la mano al pulsante che permetteva l’accensione del motore, dopo aver agito sugli interruttori che permettevano di disattivare il sistema di sicurezza.

Ascoltai il piacevole rombo del motore del mio veicolo per alcuni istanti, quando decisi di ingranare la retromarcia, per poi affondare leggermente il pedale dell’acceleratore, in modo da uscire da quel riparo.

Ritrovatomi all’aperto, lanciai un’ultima occhiata a quell’edificio malridotto, che mi aveva permesso di riposare durante la notte senza correre rischi, e ingranai la marcia per poter riprendere il mio viaggio attraverso il nulla più assoluto. Pochi istanti dopo, mi allontanai da quell’edificio il più velocemente possibile riprendendo il mio viaggio in solitaria verso nord.

/ 5
Grazie per aver votato!