Helena

Quarta di copertina

La città di Helena non dà segni di vita da settimane. Tutti i cittadini sono scomparsi nel nulla. Vengono inviati degli agenti federali per investigare sul posto, ma anche di loro non si ha più notizie. Temendo per il peggio, il presidente in persona si affida al Reparto, un team d’élite composto da agenti dormienti sparsi per tutto il paese, altamente addestrati e preparati per affrontare le situazioni più disperate. Con le poche informazioni ricevute dal presidente, la squadra di Connor si addentra in quella città apparentemente abbandonata, per investigare e per cercare di capire dove siano finiti tutti i cittadini. Al loro arrivo, incontrano una ragazzina che dice di parlare con la città stessa, definendola un’entità viva e piuttosto malvagia. L’incontro con quella strana ragazzina dà il via ad un incubo che quella squadra dovrà affrontare attraverso le vie di quella città se vuole sopravvivere.

Formato ebook
ASIN ‏ : ‎ B08GZGKR4S
Lingua ‏ : ‎ Italiano
Dimensioni file ‏ : ‎ 1902 KB
Da testo a voce ‏ : ‎ Abilitato
Screen Reader ‏ : ‎ Supportato
Miglioramenti tipografici ‏ : ‎ Abilitato
Word Wise ‏ : ‎ Non abilitato
Lunghezza stampa ‏ : ‎ 180 pagine

Formato cartaceo
ASIN ‏ : ‎ B08GVGCL2F
Editore ‏ : ‎ Independently published (29 agosto 2020)
Lingua ‏ : ‎ Italiano
Copertina flessibile ‏ : ‎ 199 pagine
ISBN-13 ‏ : ‎ 979-8680530191
Peso articolo ‏ : ‎ 363 g
Dimensioni ‏ : ‎ 15.24 x 1.14 x 22.86

Breve estratto

Cinque elicotteri con a bordo tre squadre di agenti ciascuno, solcarono i cieli della notte, attraversando il paese, portandoci alla nostra destinazione. Atterrammo nella zona sud della città di Helena, nei pressi del parcheggio dell’area commerciale che sorgeva poco fuori la città, alle prime luci dell’alba.

«Quarantotto ore! Non mancate all’appuntamento!» ci urlò il pilota dell’elicottero prima di farci scendere a terra.

Scesi da quell’elicottero, radunammo le nostre armi e i nostri zaini a debita distanza, in modo da permettergli di decollare in tutta tranquillità. Lasciai la mia roba per incontrarmi con gli altri capo squadra. Mappa in mano, controllammo gli accessi alla città della nostra zona, definendo i percorsi da intraprendere per raggiungerne il centro, dove sorgeva una vecchia cattedrale.

«Ogni squadra imboccherà una di queste strade» disse uno dei capo squadra dopo un’attenta analisi della mappa «Queste vie si distanziano di un isolato l’una dall’altra, quindi, se qualcuno di noi fosse in difficoltà, li potremmo raggiungere rapidamente. Pronti a partire?»

Gli altri capo squadra furono d’accordo con la strategia di ingresso alla città e confermarono che erano pronti. Anche io ero d’accordo con quel modo d’agire. Stavo per confermare la partenza, quando notai con la coda dell’occhio che Ellen stava osservando con il binocolo il centro commerciale e stava blaterando qualcosa con gli altri membri della nostra squadra.

«Signori, possiamo procedere» mi rivolsi agli altri due agenti che si trovavano con me «Raggiungo la mia squadra. Ci sentiremo via radio.»

Quei due agenti raggiunsero le rispettive squadre e, dopo aver parlato coi loro compagni, si incamminarono verso la città, dirigendosi verso le strade assegnate. Rimasi ad osservarli mentre si allontanavano, quando gli voltai le spalle per poi raggiungere i miei amici.

«Avete visto qualcosa?» chiesi appena raggiunti.

«Mike» rispose Ellen «Credo di aver visto qualcuno… là dentro!» «Sono le prime luci dell’alba» intervenne Frank «Ascolta il vecchio Frank. Hai visto solo l’ombra di uno di quei manichini.»

Estratto su Writer Officina: https://www.writerofficina.com/racconto.asp?cod=2166