Il nuovo mondo

Quarta di copertina

L’arrivo sulla Terra di tre civiltà aliene in guerra tra loro sul sistema solare Altair, scatena quella venne poi chiamata la guerra delle Arche.

Un lunga guerra distrugge tutto ciò che l’uomo ha costruito durante la sua storia.

L’arrivo di una quarta civiltà aliena, proveniente dal sistema solare Tau Ceti, pone fine a quella guerra, permettendo la nascita del nuovo mondo sotto il suo controllo e la sua protezione.

Dopo aver perso tutto durante quella guerra, il maggiore John Smith si ritrova a bordo di un veicolo a viaggiare attraverso quel nuovo mondo che sta nascendo pian piano.

Lasciata una delle poche città rimaste, si imbatte in una ragazzina, di nome Jennifer, mentre viene trascinata attraverso la prateria da persone con cattive intenzioni.

Disponibile in formato ebook e cartaceo presso:
Amazon
Ebay
Subito.it
ComproVendoLibri
Facebook Marketplace

Primo capitolo

In un periodo troppo lontano dal presente e ormai quasi del tutto dimenticato, la vita sulla Terra procedeva normalmente, immersa nei soliti problemi con cui l’umanità conviveva ormai da secoli.

Gli umani, presi dalle loro vite di tutti i giorni, difficilmente sollevavano lo sguardo sopra le proprie teste per osservare le stelle e ignoravano quanto sarebbe accaduto in un futuro non troppo lontano.

La notte di Natale di quell’anno di cui non ricordavo più nemmeno il numero, mentre tutti si trovavano nelle proprie case per festeggiare con i propri parenti, un oggetto di notevoli dimensioni si stava avvicinando alla Terra.

Ancora sconosciuta agli occhi degli umani, quell’oggetto era una immensa astronave, dallo scafo argentato, che proveniva dal sistema stellare Altair, lontano poco più di sedici anni luce dal nostro Sole.

Quell’astronave vagava nell’oscurità e nel silenzio cosmico dirigendosi verso il nostro piccolo pianeta azzurro.

Oltrepassata l’orbita lunare, rallentò la sua corsa per poi dirigersi lentamente verso il nostro pianeta azzurro e andare a posizionarsi nei pressi della stazione spaziale terrestre.

Quegli astronauti che si trovavano a bordo della stazione spaziale furono i primi a vedere quella maestosa astronave che si mostrò dinnanzi ai loro occhi.

Appena la videro, si allarmarono e contattarono la Terra per annunciare a tutti ciò che stava avvenendo al di fuori della loro rudimentale astronave e chiedere istruzioni.

Naturalmente, la prima reazione a quell’annuncio fu quella di chiedersi se quell’astronave avesse rappresentato una minaccia per l’umanità.

Così, vennero allertati i militari di tutto il mondo, mentre i civili, accortisi di quanto stava accadendo sopra le loro teste, volsero lo sguardo verso il cielo con paura e ammirazione per quella presenza inaspettata che stava attirando l’attenzione di chiunque vivesse sul piccolo pianeta azzurro.

Per alcuni giorni il mondo intero si chiese da dove provenisse quell’astronave e, soprattutto, chi ci fosse al suo interno, quando una navetta uscì dal suo scafo e fece rotta verso la superficie terrestre.

Si scoprì che a bordo di quella navetta viaggiava il leader di quel popolo che vagava tra le stelle e si era presentata alle nostre porte.

Quell’essere, simile a noi umani, ma con una pigmentazione della pelle molto più sbiadita rispetto alla nostra, chiese di incontrarsi con i leader mondiali.

Quei leader, dopo essersi consultati coi militari, accettarono di incontrare quell’essere all’interno dell’aula del palazzo delle Nazioni Unite.

Quell’essere si presentò a quei leader dicendo che veniva da noi in pace e parlando perfettamente una delle lingue più comuni del pianeta, ovvero l’inglese.

Come introduzione alla sua presentazione, raccontò di aver abbandonato il proprio pianeta di origine a causa di una tremenda guerra che durava ormai da troppi decenni e che stava annientando gran parte della popolazione.

Non volendo rischiare l’estinzione della propria razza, salirono a bordo di quell’arca, così la chiamavano, e lasciarono il proprio pianeta d’origine al suo destino per cercare un nuovo mondo su cui vivere e prosperare.

Raccontato la storia del suo popolo, passò alle richieste che intendeva proporre ai nostri leader mondiali

Mostrando buone intenzioni nei nostri riguardi, chiese asilo in cambio delle conoscenze scientifiche del suo popolo che avrebbe condiviso con noi in modo da permetterci di evolvere e risolvere alcuni dei nostri problemi.

Ascoltata quella richiesta, i leader mondiali si consultarono per diversi giorni, prima di accettare di accogliere a braccia aperte quella razza aliena permettendole di vivere in mezzo a noi.

Di comune accordo tra i vari leader mondiali, a quegli alieni venne data una nazione che divenne la prima nel suo genere.

Quella fu la prima nazione di un popolo che proveniva da un altro sistema solare nella lunga storia dell’umanità.

Per tutti noi fu l’inizio di una nuova era che ci avrebbe permesso di prosperare ed evolvere, grazie all’aiuto offerto dagli altairiani stessi.

La gioia rivolta verso quei fratelli dello spazio, così veniva identificata quella razza aliena, fu immensa in tutto il globo.

La vita sulla Terra era tornata alla normalità, tutto procedeva per il meglio, grazie anche alle conoscenze scientifiche dei nostri fratelli dello spazio che aiutarono i terrestri a migliorare le proprie conoscenze.

Ma come tutti noi sappiamo, tutte le cose belle non sono destinate a durare in eterno.

Un giorno, quando si era creato il giusto equilibrio in quella convivenza tra umani e alieni, altre astronavi apparvero nei cieli azzurri dell’intero pianeta.

Altre arche, queste però provenienti dai sistemi stellari Epsilon Eridani ed Epsilon Indi, raggiunsero la Terra sotto lo sguardo intimorito degli altairiani che erano proprio in fuga da quegli alieni che si trovavano al loro interno.

Purtroppo per noi, quelle due razze aliene portarono sulla Terra quella guerra che stavano portando avanti sul sistema solare di Altair.

Venne chiamata la guerra delle Arche.

Distrusse gran parte della civiltà umana che venne coinvolta poiché colpevole di aver accolto quella razza aliena che chiedeva solamente una seconda possibilità per evitare l’estinzione.

Quelle due razze aliene, che avevano portato la guerra sulla Terra, stavano avendo la meglio su di noi e sugli altairiani che non disponevano di quella capacità bellica di cui avremmo avuto bisogno.

Quando la situazione stava peggiorando sempre più, accadde il miracolo che ci salvò.

Una quarta civiltà aliena fece la sua comparsa e, con una potenza di fuoco superiore a quella degli epsiliani, pose finalmente fine alla guerra delle Arche.

Provenienti dal sistema stellare di Tau Ceti, vagavano per la galassia con il solo compito di porre fine ad ogni guerra che incontravano sul loro cammino, per instaurare poi rapporti pacifici con quei mondi che incontravano, i quali finivano sotto la loro protezione.

Grazie a quel loro intervento, che pose fine a quella stupida guerra, nacque il nuovo mondo.

Un mondo popolato da diverse razze aliene che convivevano sullo stesso pianeta sotto il controllo taucetiano che si impegnava costantemente che la pace venisse rispettata da tutti quanti, punendo con la forza chiunque ostacolasse quel progetto di convivenza.

A quei tempi ero un militare e avevo combattuto in quella dannata guerra dove persero la vita milioni di umani e altairiani.

Una volta finita, avevo perso tutto ciò che mi ero costruito nella vita.

Così, mi ritrovai a vagare attraverso quel nuovo mondo che stava nascendo senza una meta o uno scopo ben preciso.

A bordo di un veicolo che avevo rubato in giro a qualcuno che non lo avrebbe reclamato, andai in cerca di qualcosa che avesse dato uno scopo alla mia vita, mentre osservavo quanto stava sorgendo intorno a me.

Vagavo da un posto all’altro.

Visitavo quelle città che stavano riemergendo dalle ceneri della guerra.

Visionavo i vecchi campi da combattimento dove giacevano migliaia di persone morte e i resti di quei mezzi utilizzati durante la guerra. Osservavo quel nuovo mondo e mi chiedevo che senso aveva avuto quella guerra che aveva portato solo morte e distruzione.

/ 5
Grazie per aver votato!